Giornata contro spreco: Istituto Toniolo, “l’82% dei giovani italiani in prima linea per ridurli”

“La lotta agli sprechi e la salvaguardia del patrimonio naturale del pianeta sono alcuni dei temi che stanno più a cuore ai giovani italiani. L’81,8% si dice disposto a cambiare le proprie abitudini per ridurre l’impatto dei cambiamenti climatici sul pianeta, mentre l’82% dichiara di essere disponibile a ridurre al minimo gli sprechi, dall’acqua alla luce, dalla plastica al cibo”. È quanto emerge da una indagine condotta dall’Osservatorio giovani dell’Istituto Toniolo, con il sostegno di Fondazione Cariplo e di Intesa Sanpaolo, su un campione di 2.000 giovani nati tra il 1982 al 1997. Lo studio è stato pubblicato, in occasione della sesta Giornata nazionale contro lo spreco alimentare, che ricorre il 5 febbraio. I dati dell’indagine dell’Istituto Toniolo mostrano che, secondo la grande maggioranza degli intervistati, “la qualità del futuro del pianeta è strettamente legata alla responsabilità di ciascuno di noi, non solo all’operato dei governi”. Dall’indagine, infatti, emerge che “il 70% cerca di scegliere prodotti di aziende impegnate nella salvaguardia dell’ambiente e ancora l’85% degli intervistati si impegna nel fare la raccolta differenziata dei rifiuti”. “Altro aspetto molto interessante è l’alto senso di responsabilità percepito su questo tema dai giovani italiani: oltre il 59% è convinto che la salvaguardia dell’ambiente investa direttamente ogni singolo cittadino”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa