Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Allarme Unicef, 59 milioni di bambini minacciati da guerre e fame. Sudan, 23 morti nell’incendio di una fabbrica

Unicef: 59 milioni di bambini hanno bisogno di aiuto, minacciati da guerra, fame, malattie. Raccolta fondi

Unicef stima che nel 2020 saranno 59 milioni i bambini, di 64 Paesi, ad avere bisogno di aiuto e lancia la raccolta di fondi più grande di sempre. Obiettivo: arrivare a 4,2 miliardi di dollari, oltre il triplo di quanto richiesto ai propri donatori nel 2010. “Un numero storico di bambini costretti a lasciare le proprie case necessita urgentemente di protezione e supporto – ha dichiarato Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef –. I conflitti restano le cause principali, oltre a fame, malattie infettive ed eventi meteorologici estremi legati al cambiamento climatico, che costringono altri milioni di persone a cercare aiuti salvavita”. La situazione più critica riguarda i rifugiati siriani e le comunità ospitanti in Egitto, Giordania, Libano, Iraq e Turchia, per i quali l’Unicef stima necessari aiuti per 864,1 milioni di dollari. Seguono lo Yemen (535 milioni di dollari), la Siria (294,8 milioni di dollari), la Repubblica Democratica del Congo (262,7 milioni di dollari) e il Sud Sudan (180,5 milioni di dollari). Con il denaro che spera di raccogliere, l’Unicef intende curare da malnutrizione acuta grave 5,1 milioni di bambini, vaccinare contro il morbillo 8,5 milioni di bambini e fornire accesso ad acqua potabile, per uso domestico e per l’igiene personale a 28,4 milioni di persone.

Italia: pacco regalo carico di droga approfittando del “Black Friday”. Arrestato giovane cagliaritano

Aveva spedito un pacco regalo carico di droga verso la Sardegna approfittando del “Black Friday”, quando visto l’enorme numero di spedizioni in transito i plichi possono essere controllati solo a campione. In manette a Olbia – scrive l’Ansa – è finito un giovane cagliaritano che, prima di partire dalla Toscana, aveva inviato un pacco verso l’isola con all’interno un regalo a forma di albero natalizio che pesava dieci chili. Il dono nascondeva quattro panetti di eroina purissima: due chili e mezzo di droga dal valore, una volta tagliati e immessi sul mercato, di un milione di euro. Il giovane, che ora è accusato di traffico di droga e si trova nel carcere di Nuchis, è stato fermato dalla Guardia di finanza di Olbia appena sbarcato dal traghetto proveniente da Livorno.

Cronaca: 17enne trovato morto in un appartamento a San Donà di Piave, nel veneziano. Indagini in corso

Un giovane di 17 anni è stato trovato morto in un appartamento a San Donà di Piave, nel veneziano. Sulle cause della morte sono in corso accertamenti da parte delle forze dell’ordine, ma tra le prime ipotesi c’è quella che il giovane, con un vissuto molto problematico, possa essere rimasto vittima di una overdose di psicofarmaci. Il 17enne, che viveva in un altro paese del veneziano, era rimasto a dormire a casa di un amico. È stato quest’ultimo, svegliandosi, a trovarlo privo di vita, dando poi l’allarme.

Giustizia: “Angeli e demoni”, revocato l’obbligo di dimora nei confronti di Andrea Carletti, sindaco di Bibbiano

La Cassazione ha revocato l’obbligo di dimora nei confronti di Andrea Carletti, il sindaco Pd di Bibbiano, indagato per lo scandalo “Angeli e demoni” sul presunto sistema di affidi illeciti di minori scoppiato in Val d’Enza, in provincia di Reggio Emilia, nel giugno scorso quando il politico venne arrestato. A distanza di sei mesi ora è tornato libero. In attesa delle motivazioni, la Cassazione avrebbe deciso per la revoca sentenziando che non sussistevano le condizioni per l’arresto e quindi per una misura cautelare. Il primo cittadino, sospeso dal ruolo su decisione del Prefetto e autosospesosi dal Partito democratico, è accusato di abuso di ufficio e falso per l’affidamento di locali per la cura di minori. Ora potrà affrontare a piede libero il processo (per la metà di dicembre è prevista la chiusura delle indagini preliminari) assieme agli altri 28 indagati nell’inchiesta condotta dalla Procura di Reggio Emilia.

Sudan: incendio in una fabbrica di ceramiche a nord della capitale Khartoum. 23 morti, 130 feriti

Almeno 23 persone sono morte e circa 130 sono state ferite da un incendio sviluppatosi ieri in una fabbrica di ceramiche a nord della capitale del Sudan, Khartoum. Lo ha riportato il Sudanese doctors union (Sdu), che ha fatto appello ai medici fuori servizio perché si recassero negli ospedali di tutta la città per curare le vittime. L’incendio è seguito all’esplosione di un’autobotte di gas, ha aggiunto la nota. Fiamme continue e fumo denso hanno avvolto l’area della fabbrica prima che i pompieri riuscissero a spegnere l’incendio

Vertice Nato: oggi giornata clou. Al centro dell’attenzione lo scontro politico fra Trump e Macron

Il summit dei capi di Stato e di governo della Nato che oggi ha il suo giorno clou a Londra, è destinato restare negli annali come uno dei vertici più divisivi degli ultimi anni. Lo scontro tra il presidente Usa, Donald Trump e il presidente francese, Emmanuel Macron sul futuro dell’Alleanza e sui dazi che l’amministrazione Usa ha minacciato di introdurre nei confronti di Parigi, ha reso ancora più complicata una vigilia già difficile, segnata dalla crisi siriana dopo l’intervento di Ankara nel nord del Paese e dalle parole sulla “morte cerebrale” dell’Alleanza da parte dell’inquilino dell’Eliseo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa