Informazione: rapporto Agi-Censis. Parole d’ordine: recupero reputazionale, rigore professionale, maggiore dialogo e scambio con i lettori

Secondo il rapporto Agi-Censis, presentato ieri a Milano, “se il sentiment nei confronti del mondo dell’informazione è negativo, per gli italiani non è impossibile uscire da questa situazione”. Il 69% degli intervistati è infatti convinto che “la capacità di raccontare, la completezza, il pensiero critico, la serenità di giudizi” siano prerogative esclusive dei giornalisti e il 52,7% ritiene che la navigazione casuale in internet non possa sostituire la lettura sistematica di un quotidiano”. Recupero reputazionale, rigore professionale, maggiore dialogo e scambio con i lettori, capacità di adattamento al nuovo contesto “sono le parole d’ordine che emergono dal rapporto e che consentirebbero di riporre fiducia in un possibile futuro del giornalismo di qualità”. “Da questa ricerca emerge chiaramente il ruolo delicatissimo di noi professionisti dell’informazione, in bilico tra la questione della disintermediazione e il mercato delle notizie, sempre più competitivo e alimentato da esigenze di immediatezza, straordinarietà, appeal del contenuto”, commenta il direttore Agi Mario Sechi.
“Gli italiani ci lanciano un messaggio chiaro e preciso: abbiamo bisogno di voi, ma dovete cambiare. Ed è proprio in questa direzione che Agi intende procedere, con un modo di fare e raccontare l’informazione più vicino ai lettori, alle aziende, alle istituzioni. Per questo, oltre alle developing stories che consentono di vedere come una storia cresce e si evolve, per l’inizio del nuovo anno Agi metterà a disposizione una nuova e vasta gamma di prodotti, dai notiziari verticali ai podcast e alle newsletter dedicati alla politica, l’economia, la scienza, l’energia, il cibo e la mobilità sostenibile”, continua Sechi. “Il percorso di crescita e rinnovamento culminerà con la realizzazione del nuovo sito internet agi.it”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo