Cultura: Istat, nel 2018 produzione editoriale e mercato digitale in crescita

Con 75.758 titoli pubblicati, il 2018 conferma il trend in crescita della produzione editoriale dell’anno precedente. Rispetto al 2017 si rileva un lieve aumento della produzione editoriale (+1,1% in totale; +1,2% per i grandi; +1,7% per i medi e -3,3% per i piccoli) in un mercato che punta sempre più sulla novità (61,7% di “prime edizioni”) e meno sulla longevità dei prodotti pubblicati (32,7% di “ristampe” e 5,6% di “edizioni successive”). Lo rende noto oggi diffondendo il report “Produzione e lettura di libri in Italia” per il 2018.
Nell’editoria italiana, si legge nel report, “si osservano segnali di un settore in trasformazione: in venti anni (1998-2018) l’editoria si ricompone in favore di una dimensione più ampia, aumentano i titoli pubblicati ma si riduce la tiratura complessiva”.
Sono 1.564 gli editori attivi censiti nel 2018: il 51,1% ha pubblicato un numero massimo di 10 titoli all’anno (“piccoli editori”), il 33,8% fra le 11 e le 50 opere (“medi editori”) e soltanto il 15,2% ha pubblicato più di 50 opere annue (“grandi editori”). I grandi editori coprono quasi l’80% della produzione in termini di titoli (79,4%) e il 90% della tiratura: se i piccoli editori pubblicano in media quattro titoli all’anno, stampando ciascuno poco più di 5.500 copie, le grandi case editrici producono mediamente 254 opere librarie per una tiratura di oltre 600mila copie.
Il report mette in evidenza come sia cresciuta soprattutto l’editoria scolastica (+2,8%), mentre resta sostanzialmente stabile il prezzo medio di copertina (+0,39 euro rispetto al 2017). Gli editori, inoltre, investono sempre più nell’offerta di titoli in formato e-book: la percentuale di opere pubblicate a stampa disponibili anche in versione digitale in soli due anni è passata dal 35,8% (circa 22mila titoli nel 2016) a quasi il 40% (più di 30mila titoli nel 2018). La versione digitale è particolarmente diffusa per i libri di avventura e gialli (82,1%), i testi di informatica (62,9%) e matematica (61,4%), i libri di attualità politico-sociale ed economica (56,1%).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo