Papa Francesco: Angelus, “svegliarsi dal sonno della vanità e dell’indifferenza”

“Il male e il peccato provengono dal fatto che gli individui e i gruppi sociali preferiscono seguire strade dettate da interessi egoistici, che provocano conflitti e guerre”. Lo ha detto il Papa, nell’Angelus di ieri, primo giorno di Avvento. “Se ciascuno cercasse, con la guida del Signore, la via del bene, allora nel mondo ci sarebbero più armonia e concordia”, la proposta alternativa di Francesco, che ha ricordato che “l’Avvento è il tempo propizio per accogliere la venuta di Gesù, che viene come messaggero di pace per indicarci le vie di Dio”. “Vegliare – ha spiegato – non significa avere materialmente gli occhi aperti, ma avere il cuore libero e rivolto nella direzione giusta, cioè disposto al dono e al servizio”. “Il sonno da cui dobbiamo svegliarci è costituito dall’indifferenza, dalla vanità, dall’incapacità di instaurare rapporti genuinamente umani, di farsi carico del fratello solo, abbandonato o malato”, l’appello del Papa, secondo il quale “l’attesa di Gesù che viene si deve tradurre, dunque, in un impegno di vigilanza. Si tratta anzitutto di meravigliarsi davanti all’azione di Dio, alle sue sorprese, e di dare a lui il primato. Vigilanza significa anche, concretamente, essere attenti al nostro prossimo in difficoltà, lasciarsi interpellare dalle sue necessità, senza aspettare che lui o lei ci chiedano aiuto, ma imparare a prevenire, ad anticipare, come fa sempre Dio con noi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori