Diocesi: Firenze, a quattro anni dal V Convegno ecclesiale nazionale nuova tappa del cammino sinodale

A quattro anni dal V Convegno ecclesiale nazionale, la Chiesa di Firenze si appresta a vivere una nuova tappa del cammino sinodale intrapreso nel 2017. Domenica prossima, con l’assemblea diocesana dal titolo “Chiamati ad essere fermento di dialogo, di incontro, di unità”, inizierà una nuova fase del cammino, quella “in uscita”. Appuntamento a partire dalle 15 in cattedrale per un incontro di comunione tra tutte le realtà della Chiesa fiorentina intorno all’arcivescovo, il card. Giuseppe Betori, il quale, dopo aver ascoltato i vari interventi, traccerà le conclusioni e darà alcune indicazioni per la nuova fase che prevede l’apertura di un dialogo con la società civile, con quanti hanno a cuore le sorti dell’uomo e possono aiutare a comprendere meglio quale contributo il mondo si attende dalla Chiesa e che la Chiesa sente di dover offrire al mondo. La prima fase del Cammino sinodale, che si è svolta nelle parrocchie e nei vicariati, ha messo in moto un metodo nuovo: tavoli di lavoro, ascolto reciproco, condivisione. Uno stile sinodale, appunto, che adesso vuole essere esteso attraverso il dialogo con le realtà sociali esterne alla Chiesa: con il mondo del lavoro, della scuola, dello sport, della politica, dell’economia… In alcune zone si è già iniziato, con esperienze positive. E saranno proprio alcune di queste esperienze ad essere raccontate nell’assemblea del 10 novembre, anche con alcuni brevi video. Al termine dell’incontro in cattedrale, ci sarà un breve pellegrinaggio verso la basilica della Santissima Annunziata per affidare a Maria il cammino sinodale. Nel chiostro, i partecipanti potranno anche visitare la mostra “Gesti e parole. Jorge Mario Bergoglio, una presenza originale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo