Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Ex Ilva, Mittal conferma l’addio. Libia, sì ad un aggiornamento del Memorandum

Ex Ilva. Mittal conferma l’addio, no a scudo offerto da Conte

Sull’ex Ilva “è scattato l’allarme rosso. Per il governo il rilancio è una priorità e le richieste di ArcelorMittal sono inaccettabili”. In una conferenza stampa, convocata dopo dodici ore di riunioni e vertici dai toni anche drammatici, il premier Giuseppe Conte riassume quella che è una vera e propria guerra tra il governo e la multinazionale dell’acciaio. “Lo scudo penale è stato offerto ed è stato rifiutato. Il problema è industriale”, sottolinea il premier riferendo che dall’azienda è arrivata una richiesta di “cinquemila esuberi” e chiamando “tutto il Paese e le forze di opposizione alla compattezza”.  La trattativa con ArcelorMittal non è ancora definitivamente chiusa. “Al momento la via concreta è il richiamo alla loro responsabilità”, spiega Conte che ha chiesto a Lakshmi Mittal e a suo figlio di aggiornarsi al massimo tra due giorni per una nuova proposta.

Libia. Sì ad un aggiornamento al Memorandum su lotta immigrazione illegale e centri di detenzione

“Il 1° novembre l’ambasciata italiana a Tripoli ha proposto la convocazione di una riunione della Commissione congiunta Italia-Libia per concordare un aggiornamento del Memorandum attraverso modifiche per migliorarne l’efficacia e la proposta è stata accolta dalla Libia che ha comunicato la sua disponibilità a rivedere il testo”. Lo ha detto la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese nella sua informativa alla Camera sull’accordo con la Libia per contrastare l’immigrazione illegale. Tra le modifiche che l’Italia chiederà c’è “il miglioramento dei Centri di detenzione con l’obiettivo di una loro graduale chiusura per giungere a centri gestiti dalle agenzie dell’Onu”.

Calcio impazzito. Tifosi Celtic accoltellati in pub a Roma

Alcuni tifosi del Celtic sono stati accoltellati all’esterno di un pub al centro di Roma. Secondo le prime informazioni, i due si trovavano insieme con altri connazionali in una birreria di via Nazionale quando sono stati aggrediti da alcune persone, presumibilmente ultrà laziali, che si sono poi dileguati. Sul posto è intervenuta la polizia e alcune auto mediche. Le condizioni dei tifosi non sarebbero gravi.

Italia. Seggiolini antiabbandono obbligatori da oggi

Scatta da oggi l’obbligo di montare sulle auto i dispositivi di allarme per i seggiolini, i cosiddetti sistemi “antiabbandono”. A ricordarlo è il ministero dei Trasporti, specificando che il regolamento di attuazione dell’articolo 172 del nuovo Codice della Strada in materia è stato pubblicato il 23 ottobre sulla Gazzetta Ufficiale, prevedendo l’entrata in vigore 15 giorni dopo, appunto il 7 novembre 2019. Per agevolare l’acquisto dei dispositivi, nel dl fisco è stato istituito un fondo per un incentivo di 30 euro per ciascun dispositivo acquistato.

Francia, stretta sui migranti: annunciati quote e sgomberi

Una serie di misure restrittive per limitare l’immigrazione, come una stretta sull’assistenza sanitaria per i richiedenti asilo e i sans papiers, e l’introduzione di quote per professione. Previsto anche lo sgombero dei campi migranti a Parigi. Le norme sono state annunciate dal governo francese; le misure arrivano mentre le destre cavalcano l’astio di molti francesi verso i migranti. Edouard Philippe, il primo ministro francese, ha detto che “il significato generale dell’azione è quello della sovranità. Vogliamo riprendere il controllo della nostra politica migratoria. Riprenderci il controllo è esprimere e assumere scelte chiare in termini di accoglienza e integrazione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo