Immigrazione: Lilt Milano, in 10 anni circa 5mila donne straniere hanno effettuato una visita gratuita. Con Fondazione Ismu il progetto “Salute senza frontiere”

La prima iniziativa rivolta alle comunità migranti è stata nel 2010 il progetto “Donna dovunque”. L’idea era quella di dare alle donne straniere l’opportunità di sottoporsi a visite gratuite di diagnosi precoce. In quasi dieci anni sono state circa 5mila le donne che hanno effettuato, presso gli ambulatori Lilt, una visita senologica, ginecologica e Pap test. Sono questi alcuni dei numeri dell’impegno della Lega italiana per la lotta contro i tumori – Lilt Milano a favore della cultura della prevenzione oncologica multiculturale. I dati sono stati presentati oggi a Palazzo Marino durante un incontro al quale hanno partecipato tutte le realtà che in questi anni hanno collaborato con l’associazione nella realizzazione dei progetti. Dal 2015 a oggi sono stati proposti seminari informativi in lingua e workshop sui temi della prevenzione attraverso cinque progetti che hanno visto la partecipazione di oltre 3.300 persone. A oggi sono stati distribuiti oltre 100.000 materiali di comunicazione con un’erogazione complessiva di oltre 1.500 ore di servizi, il coinvolgimento di 8.300 famiglie su un bacino di oltre 35.000 persone. “Superare le barriere culturali per dare a tutti, non solo agli italiani, la possibilità di avere più informazioni e consapevolezza nel campo della salute è stato l’obiettivo che ci ha mosso dieci anni fa – sottolinea il presidente di Lilt Milano, Marco Alloisio –. Abbiamo adottato metodologie attente alle caratteristiche culturali, linguistiche e sociali delle comunità straniere per promuovere gli stili di vita salutari”.
In collaborazione con la Fondazione Ismu, a partire dal 2017, è stato portato avanti il progetto biennale “Salute senza Frontiere” a Milano, Monza, Pavia e Lodi. Agli incontri formativi e ai laboratori hanno partecipato 200 cittadine straniere provenienti da quattro continenti (Nord Africa, Africa Sub Sahariana, Sud America, Est Europa, Asia)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo