Scuole cattoliche: Fism, dopo l’incontro con Papa Francesco si è aperto oggi a Roma il Congresso nazionale

“Come fate a sostenere i costi?”. Questa la domanda che Papa Francesco ha rivolto stamattina a Luigi Morgano, segretario generale della Fism, la Federazione italiana scuole materne, incontrandolo al termine dell’udienza generale in piazza San Pietro. Con Morgano e la presidente della Fism, Biancamaria Girardi, erano presenti all’udienza una gran parte dei circa 250 delegati al Congresso che si è aperto questo pomeriggio a Roma sul tema “Uguali doveri, diritti diversi”. Morgano ha presentato al Papa anche una signora, Maria di anni 62, che lavora nella sede romana della Federazione da 40 anni: praticamente accompagna la Fism da sempre, visto che la Federazione è nata 45 anni fa. Una realtà quella delle scuole aderenti alla Federazione molto attiva e presente nel nostro Paese con 9.000 scuole, 450mila alunni e 40mila dipendenti. Prima dell’inizio del congresso, Morgano ha detto di condividere l’annuncio del ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, circa il rafforzamento del bonus degli asili nido che “scatterà già dal 1° gennaio”. L’importante – ha aggiunto – è che tutto tenga conto della parità anche dal punto di vista dei contributi e che sia “realmente sostenibile”. Sono 2.300 le strutture educative dedicate alla prima infanzia che aderiscono oggi alla Federazione.
Il congresso prevede oggi la presentazione, discussione e votazione del nuovo Statuto, mentre domani ci saranno la relazione del segretario Morgano e gli interventi della viceministra all’Istruzione, all’università e alla ricerca Anna Ascani, (“Scuole dell’infanzia paritarie no profit: è tempo di soluzioni”), della sottosegretaria ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, Francesca Puglisi (“Legge zero-sei, azioni di inclusione e Terzo settore”), e del direttore di “Avvenire” Marco Tarquinio (“Per una scuola davvero di tutti e per tutti”). Venerdì 15 il programma prevede gli interventi di mons. Vincenzo Zani, segretario della Congregazione per l’educazione cattolica (“Il patto educativo”) e di Ernesto Diaco, direttore dell’Ufficio Cei per l’educazione, la scuola e l’università (“La Chiesa per la libertà di scelta educativa”). Sarà la presidente Fism, Biancamaria Girardi, a concludere, sabato, il congresso.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo