Abusi: Bruni, “Santa Sede prende atto” dell’accoglimento della richiesta di appello del card. Pell

“La Santa Sede, nel confermare la propria fiducia nella giustizia australiana, prende atto della decisione dell’Alta Corte australiana di accogliere la richiesta di appello presentata dal card. George Pell, consapevole che il cardinale ha sempre affermato la propria innocenza”. È quanto dichiara oggi il direttore della Sala stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, a proposito del responso dell’Alta Corte di Australia, che ha deciso di ammettere l’appello presentato dal cardinale australiano, condannato a sei anni di carcere per pedofilia. L’ex prefetto per l’Economia, 78 anni, accusato di molestie sessuali nei confronti di chierichetti nella cattedrale di Melbourne vent’anni fa, sta scontando la sua pena in un carcere australiano. Si è sempre dichiarato innocente. “Nell’occasione, la Santa Sede ribadisce, ancora una volta, la propria vicinanza a quanti hanno sofferto a causa degli abusi da parte dei membri del clero”, prosegue Bruni.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo