This content is available in English

Pena di morte: Consiglio d’Europa, “ricadute traumatiche sui figli”. 19mila condannati al patibolo, almeno 690 esecuzioni nel 2018

foto SIR/Marco Calvarese

(Strasburgo) Giornata mondiale contro la pena di morte, domani 10 ottobre: per la concomitanza con il 30° anniversario della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia si guarda in particolare alle “violazioni dei diritti dei bambini i cui genitori hanno ricevuto una condanna a morte o sono stati giustiziati”. In una dichiarazione del Comitato per gli affari legali e i diritti umani del Consiglio d’Europa (CdE) si evidenzia come “questi bambini, spesso dimenticati e socialmente svantaggiati, possono subire un trauma in ogni fase del processo che porta all’esecuzione del genitore”: è un “fardello emotivo e psicologico” che “viola i loro diritti”. Ad oggi, oltre due terzi (142) dei Paesi del mondo hanno abolito la pena di morte o non l’hanno applicata da almeno dieci anni. Nel 2018 sono state registrate almeno 690 esecuzioni e a fine 2018 oltre 19mila persone erano condannate a morte. Il Comitato denuncia: “Paesi che hanno uno status di cooperazione con il CdE (Usa, Giordania, Giappone, Marocco, Autorità palestinese e Bielorussia) continuano a emettere condanne a morte e a compiere esecuzioni capitali”. E rivolge l’appello a dare “massima importanza all’interesse superiore del bambino” nelle sentenze sui genitori e rispettare il divieto dell’applicazione della pena di morte a chi aveva meno di 18 anni al momento del presunto reato.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo