Papa Francesco: Angelus, appello per dialogo e convivenza pacifica in Libano

Al termine dell’Angelus di ieri, al quale hanno partecipato 35mila persone, il Papa ha rivolto un appello per il Libano. “Rivolgo un pensiero speciale al caro popolo libanese, in particolare ai giovani, che nei giorni scorsi hanno fatto sentire il loro grido di fronte alle sfide e ai problemi sociali, morali ed economici del Paese”, ha detto il Santo Padre, esortando “tutti a ricercare le giuste soluzioni nella via del dialogo, e prego la Vergine Maria, Regina del Libano, affinché, con il sostegno della comunità internazionale, quel Paese continui ad essere uno spazio di convivenza pacifica e di rispetto della dignità e libertà di ogni persona, a beneficio di tutta la Regione mediorientale, che soffre tanto”. “Questa è l’ultima domenica di ottobre, mese missionario, che quest’anno ha avuto un carattere straordinario, ed è anche il mese del Rosario”, ha concluso il Papa, rinnovando l’invito “a pregare il Rosario per la missione della Chiesa oggi, in particolare per i missionari e le missionarie che incontrano maggiori difficoltà” e a continuare “a pregare il Rosario per la pace”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo