Smartphone e minori: Policlinico Gemelli, domani si presenta il progetto “Connettiamoci attivamente” per un uso corretto dei dispositivi tecnologici

Domani, martedì 22 ottobre, alle ore 15, nella Hall del Policlinico Universitario A. Gemelli Irccs, l’Associazione culturale Progetto AttivaMente presenta il progetto “Connettiamoci attivamente”. “Si parlerà di un tema articolato e attuale, legato all’uso dei dispositivi tecnologici di comunicazione di massa e del corretto approccio per eliminare o ridurre i danni non solo psicologici ma anche fisici che l’uso eccessivo dei dispositivi potrebbe creare ai minori”, anticipa Ilaria Lazzareschi, pediatra della Fondazione Policlinico universitario Agostino Gemelli Irccs, tra i promotori dell’iniziativa insieme a Enrica Leo, presidente dell’associazione culturale. Partecipano all’incontro medici, psicologi ed esperti per un confronto sull’uso dei dispositivi e in particolare sull’uso degli smartphone in età pediatrica.
“Connettiamoci attivamente” è il tema dell’evento nonché il nome del progetto (www.connettiamoci.eu) che tratta le tematiche legate all’utilizzo invasivo e incontrollato dei dispositivi mobili, in particolare degli smartphone, da parte dei minorenni, parla del diritto alla salute, alla sicurezza, all’istruzione, di problematiche legate al mondo web in generale. Con il coinvolgimento delle scuole perché la scuola è intesa come uno dei luoghi ideali di intermediazione e di sensibilizzazione delle famiglie e dei ragazzi stessi, in grado di attivare una divulgazione più ampia. L’obiettivo del progetto è rendere gli studenti figure attive di percorso correttivo e di una riflessione sulle relazioni umane, a partire dal ruolo genitoriale fino a tutti i ruoli di mediazione dei vari soggetti della società (scuola, pediatri, media…), a tutela degli interessi dei soggetti più deboli.
Nelle fasce di età sempre più basse, infatti, gli smartphone interferiscono in modo sempre più invasivo sulle attività quotidiane, sul comportamento e sulle relazioni creando dipendenza con distrazioni continue, abbassamento della qualità delle attività quotidiane, delle relazioni, della sicurezza, della salute fisica e psichica.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa