Promozione sociale: Cnca, conclusa assemblea a Spello. De Facci (presidente), “leggere e comprendere l’oggi per pensare il futuro”

Una federazione che accompagna le organizzazioni socie nel pensare e realizzare il cambiamento. È la mission che il Coordinamento nazionale comunità di accoglienza (Cnca) riconferma con i tre giorni di lavoro, terminati oggi, dell’assemblea “Comporre. Terra, casa, lavoro e creatività” a Spello con la partecipazione di oltre 300 persone e interventi di filosofi, antropologi, sindacalisti, giornalisti, insegnanti, ricercatori sociali, esponenti del terzo settore. “Dinanzi alle tante e profonde trasformazioni sociali, culturali ma anche di modello imprenditoriale che stanno investendo le nostre organizzazioni”, dichiara Riccardo De Facci, presidente Cnca, “la funzione della nostra Federazione è aiutare a leggere e comprendere l’oggi per pensare il futuro. I nostri appuntamenti a Spello si propongono proprio di fornire chiavi di lettura culturali, non solo indicazioni operative. Il Cnca non si accontenta di essere un’associazione di enti gestori di innumerevoli servizi e progetti in tutta Italia, ma si attrezza per rispondere alle domande nuove che vengono dalle culture altre, dalle facce inedite della povertà e dell’esclusione, dalla questione dell’abitare e della vivibilità delle comunità locali. Ma anche dai temi dell’economia circolare e dell’ambiente, su cui crescono sensibilità e iniziative in tante nostre organizzazioni socie”. “Siamo convinti – conclude – che questo sia possibile solo tenendo insieme cultura, arte, politica e competenze professionali. È questo che continueremo ad essere per le nostre organizzazioni: un luogo di pensiero”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia