Diocesi: Matera-Irsina, domani mons. Caiazzo guida il pellegrinaggio a Pompei per affidare a Maria il Sinodo della Chiesa locale

Un pellegrinaggio a Pompei, domani, sabato 12 ottobre, per affidare a Maria i lavori del Sinodo diocesano. L’arcidiocesi di Matera-Irsina sin dal mese di ottobre 2017 è impegnata nel cammino del Sinodo diocesano. Molti sono gli incontri, dibattiti, riflessioni, momenti di preghiera che hanno visto impegnato tutto il Popolo di Dio nel cercare vie e metodi nuovi per annunciare la gioia del Vangelo, per essere Chiesa “in uscita” che vive in mezzo alle case degli uomini, per offrire a tutti la possibilità di riscoprire la grazia e la bellezza di essere amati dal Signore.
“Lo stile sinodale, fatto di ascolto della parola di Dio e delle attese e speranze di ognuno per il discernimento della volontà di Dio sulla vita della Chiesa di Matera-Irsina, inaugurato già durante la visita pastorale e nella fase di preparazione al Sinodo, accompagnerà tutti, delegati al Sinodo e fedeli, per il prosieguo dei lavori sinodali e, soprattutto, nell’attuazione delle decisioni del Sinodo”, si legge in una nota. Per meglio prepararsi ai prossimi impegnativi momenti a cui porterà il cammino sinodale, tutto il Popolo santo di Dio dell’arcidiocesi di Matera-Irsina si metterà in cammino, guidato dall’arcivescovo, mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, verso il santuario della Beata Vergine del Rosario di Pompei per affidare a Maria i lavori del Sinodo diocesano e il nuovo anno pastorale.
“Il pellegrinaggio, espressione genuina della pietà popolare, è la forma più semplice, immediata e spontanea – sottolinea la nota – per cercare il Signore, affidare a Lui, per l’intercessione della Madre, le nostre speranze e preoccupazioni, per chiedere luce e grazia per affrontare con sollievo e gioia il cammino della vita e per invocare dal Signore un rinnovamento della Chiesa e un maggiore slancio missionario”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo