Diocesi: Albano, da oggi al monastero delle clarisse un percorso di spiritualità sui frutti dello Spirito

Amore, gioia e pace, magnanimità, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé: i frutti dello Spirito, così come elencati nella Lettera di Paolo ai Galati, sono al centro di un percorso di lectio divina che inizia oggi e si conclude il 17 aprile 2020, aperto a tutti e promosso dalla comunità delle sorelle clarisse di Albano Laziale (Rm) insieme a don Alessandro Mancini, direttore del Seminario diocesano di Albano. Obiettivo degli incontri è “vivere la novità del Vangelo, lasciarsi guidare dallo Spirito – spiegano le clarisse –. Ma come ci accorgiamo che lo Spirito ci sta guidando? Lo Spirito ha dei ‘sintomi’, per così dire, che sono il frutto”. Un venerdì al mese, alle 21, nella chiesa del monastero Immacolata Concezione le clarisse insieme a don Mancini animano la riflessione biblica e offrono spunti ai partecipanti a questa esperienza, che si rinnova ogni anno ed è giunta alla quinta edizione. “Quando troviamo una Parola che ci stimola, che mette in evidenza le nostre contraddizioni e quando ci sono quelle cose della Scrittura che non abbiamo pienamente compreso, in quel momento lo Spirito sta lavorando in noi”, proseguono le clarisse. “La preghiera della lectio, il lasciarsi formare dalla Parola, è lasciare agire lo Spirito in modo creativo, in modo tale da renderci conformi all’immagine di Cristo. È un modo per far passare l’azione di Cristo in noi e renderci nuovi. I nostri incontri sono occasioni per stimolare, offrire occasioni allo Spirito per aprire il nostro cuore e la mente alla sua azione”, concludono.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo