Reati contro minori: Terre des Hommes, nel 2018 in Lombardia più di mille vittime, tra cui 226 di violenza sessuale. Nel Lazio 5 vittime di omicidio, di cui 4 bambine

Nel 2018, la regione italiana che ha registrato il maggior numero di reati contro i minori è stata la Lombardia, con 1.090 vittime, seguita da Sicilia (646), Emilia Romagna (611), Lazio (551) e Veneto (422). Lo rivela il nuovo Dossier della Campagna “indifesa” di Terre des Hommes, intitolato “La condizione delle bambine e delle ragazze nel mondo”e presentato oggi, vigilia della Giornata mondiale delle bambine che ricorre domani, a Palazzo Montecitorio. L’incremento più significativo è stato registrato nel Lazio (+25%), che è passato da 440 vittime nel 2017 a 551 vittime nel 2018. Anche la Calabria ha registrato un incremento dei reati contro i minori, mentre il calo più rilevante è stato registrato in Basilicata (-33%, da 45 vittime nel 2017 a 30 vittime nel 2018) e in Valle d’Aosta (-30%, da 23 vittime nel 2017 a 16 vittime nel 2018). Per quanto riguarda il reato di omicidio volontario, a detenere il triste primato nel 2018 è stata la regione Lazio, che ha registrato 5 vittime, 4 delle quali erano bambine. Mentre il reato di maltrattamento in famiglia miete più vittime in Lombardia (358 vittime), seguita da Emilia Romagna, Sicilia e Lazio. L’Emilia Romagna è invece la regione dove nel 2018 si è registrato il maggior numero di vittime di prostituzione minorile (14, in maggioranza maschi), seguita da Lombardia (11, per il 73% femmine) e Sicilia (10). Anche per i reati di violenza sessuale e violenza sessuale aggravata la Lombardia ha registrato nel 2018 un drammatico record, rispettivamente con 126 vittime (per il 90% femmine) e 103 vittime (per l’84% femmine).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo