Irlanda del Nord: leader delle Chiese incontrano il segretario di Stato. “Fare i compromessi necessari per trovare un accordo che ripristini le istituzioni”

I leader delle principali Chiese irlandesi hanno incontrato ieri sera ad Armagh il segretario di Stato per l’Irlanda del Nord, il deputato Julian Smith, per esprimere le loro preoccupazioni riguardo al continuo impasse di Stormont (sede del parlamento, ndr.) e ai suoi effetti sulla società civile e sui più vulnerabili in particolare. Lo rende noto un comunicato congiunto diffuso questa mattina in cui si riferiscono i temi dell’incontro: “L’urgente necessità che l’esecutivo e l’Assemblea dell’Irlanda del Nord affrontino questioni come le mitigazioni delle riforme del welfare, la politica sanitaria e dell’istruzione, nonché le urgenti questioni economiche e quelle connesse alla Brexit”. “Abbiamo espresso la nostra ferma convinzione”, si legge ancora nella nota, “che le istituzioni debbano essere ripristinate prima del 21 ottobre per evitare che una legislazione sull’aborto, inaccettabile nella sua ampiezza, venga imposta all’Irlanda del Nord”. La convinzione delle Chiese è che i partiti politici nord irlandesi debbano “fare qualcosa al riguardo. Tutti devono correre dei rischi, soprattutto per i più vulnerabili nella società, e fare i compromessi necessari per trovare un accordo che ripristini le istituzioni”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo