Sea Watch e Sea Eye: “da 18 giorni sulla nave, i naufraghi hanno bisogno di un porto sicuro ora”

“Siamo da 18 giorni nel corso di una missione di salvataggio che non vede la fine. Un soccorso si può considerare concluso solo quando le persone tratte in salvo vengono portate in un porto sicuro, a terra. I naufraghi ne hanno bisogno ora!”. Questo l’ultimo messaggio via Twitter dal ponte della nave Sea Watch 3, bloccata al largo delle coste di Malta con 32 persone a bordo, mentre altre 17 sono sulla nave Sea Eye. La situazione è ancora in fase di stallo per l’indecisione dei governi europei e il no del governo italiano ad aprire i porti. “Per il diciottesimo giorno siamo ostaggio in mare dei governi europei. La situazione è tesa ma almeno tutti mangiano di nuovo”, ha riferito questa mattina l’equipaggio dalla Sea Watch. Alcuni migranti avevano cominciato ieri a rifiutare il cibo per protestare contro le difficili condizioni a bordo. Intanto negli uffici di Sea Watch a Berlino è in corso una conferenza stampa.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo