Anno nuovo: card. Osoro (Madrid), “la Chiesa, in mezzo agli uomini, sia capace di sorprendere e turbare”

La Chiesa, all’inizio del nuovo anno, deve farsi presente in mezzo agli uomini e alla storia, “sorprendendo e turbando”. Lo scrive il cardinale arcivescovo di Madrid, Carlos Osoro, nella sua prima lettera del 2019. “Abbiamo vissuto la sorpresa e il turbamento che l’Incontro europeo di Taizé a Madrid ha suscitato in molti giovani e nelle persone che hanno aperto le porte. Giovani provenienti da tutta Europa, riuniti per ascoltare il Signore, per realizzare incontro e ascolto, per fare silenzio e preghiera, per curare le nostre divisioni interne, per vivere l’esperienza dell’ospitalità dei primi cristiani, per scoprire insieme con Dio il futuro che Egli ci dà e le decisioni che dobbiamo prendere nella nostra vita”, evidenzia il porporato. “La sorpresa – precisa il cardinale – è la caratteristica di una Chiesa che vive e dà vita, perché se la Chiesa non sorprende è un sintomo di malattia, debolezza”.
Infine, il card. Osoro invita a “prendere come impegno fondamentale della vita dare la pace di Cristo”, a “essere generatori di fiducia e speranza”, a “dare la priorità a Gesù, a porLo al centro”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia