Venezuela: Ucab, alla Conferenza episcopale il premio “Valori democratici”. Mons. Azuaje, “stimolo per continuare nella nostra opera”

La Conferenza episcopale venezuelana (Cev) è stata ieri insignita del premio “Valori democratici” 2018, nella categoria “Integrità democratica”. Il premio è stato promosso dal Centro di studi politici e di governo (Cepyg) dell’Università Cattolica Andrés Bello (Ucab) di Caracas. Tre le categorie: “Libertà di pensiero” (i premiati sono stati il portale ProdaVinci, l’organizzazione Cedici e il giornalista César Miguel Rondón); “Promotori di democrazia” (il riconoscimento è andato al Foro penale e a María Corina Machado); infine, “Integrità democratica” (oltre alla Cev, è stato premiato il gesuita Luis Ugalde).
I promotori del premio hanno riconosciuto l’integrità della Chiesa venezuelana e la sua infaticabile opera umanitaria, accompagnata dalla lotta ferma a favore della costruzione di una leadership sociale e per la richiesta incessante del rispetto della sovranità popolare.
Mons. José Luis Azueje, arcivescovo di Maracaibo e presidente della Cev, nel ricevere il premio, ha dichiarato: “Come Conferenza episcopale venezuelana ci sentiamo ulteriormente impegnati, nel momento in cui riceviamo questo premio”. Si tratta di “uno stimolo per continuare nella nostra opera”, consapevoli che “ci sono tante persone che stanno operando per il benessere del popolo venezuelano, per la ricerca della libertà desiderata per tutto il popolo e anche per la promozione della dignità della persona umana”.
Il presidente della Cev ha aggiunto di voler condividere il premio “con un popolo così nobile e così coraggioso” e di pregare Dio “perché continui a donarci la gioia, però soprattutto la parresia, questa forza dello Spirito Santo per continuare a essere a servizio del nostro popolo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo