Università Cattolica: inaugurazione anno accademico. Anelli (rettore), “parole chiave: cura e persona”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“Educare e formare medici animati da un’idea della loro professione come cura della persona, e nel rispetto di quell’idea fare ricerca e garantire assistenza”. Franco Anelli, rettore dell’Università Cattolica, nel discorso inaugurale alla cerimonia di apertura dell’anno accademico 2018/2019 dell’Ateneo – sede di Roma – presenziata dal presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, sintetizza in questi termini la mission della “scuola medica” dell’Ateneo. “Due, quindi, le parole chiave: cura e persona – spiega -. Da esse discendono molte implicazioni, che riemergeranno trattando delle diverse dimensioni dell’attività della sede: didattica, ricerca e assistenza”. Anelli ricorda quindi che nel febbraio 2018 il Policlinico Gemelli ha ottenuto il riconoscimento quale “Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico” per le discipline della “Medicina personalizzata” e delle “Biotecnologie innovative”: “Due avamposti strategici della scienza medica contemporanea”. Il riconoscimento del Policlinico come Irccs, chiosa il rettore, “costituisce un’ulteriore oggettiva conferma di quella coerenza di azione e di intenti” tra ricerca scientifica e assistenza sanitaria, “e dunque tra Facoltà – cuore della ricerca dell’Ateneo – e struttura ospedaliera; un agire unitario che trova ora una specifica occasione di potenziamento della dimensione traslazionale, senza però trascurare il profilo della ricerca di base”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo