Tutela dei minori: le indicazioni della Cei per i Servizi Regionali e Interdiocesani

I Servizi Regionali per la Tutela dei Minori (Srtm) e i Servizi Interdiocesani per la Tutela dei Minori (Sitm) sono “a supporto dei vescovi e dei superiori maggiori nell’esercizio del loro ministero per quanto attiene alla tutela dei minori e degli adulti vulnerabili”. È quanto si legge nelle indicazioni per la costituzione dei Servizi regionali e inter-diocesani, decisivi per quella finalità di prevenzione e di formazione a cui la Chiesa italiana si sente chiamata per rispondere alla tutela dei minori e degli adulti vulnerabili. I Servizi “sono chiamati non a sostituire gli ordinari nelle loro responsabilità, ma a supportarli attraverso competenze e professionalità educative, mediche, psicologiche, canonistiche, giuridiche, pastorali e di comunicazione”. All’occorrenza, i Servizi potranno anche rivelarsi utili per la gestione delle segnalazioni.

Le indicazioni della Cei invitano ogni Regione ecclesiastica a costituire “il Servizio Regionale per la Tutela dei Minori, ovvero, se ritenuto opportuno, più Servizi Interdiocesani per la Tutela dei Minori” composti dai referenti diocesani per la tutela dei minori, da operatori pastorali e da esperti nel campo della protezione dei minori e degli adulti vulnerabili. Compete al Srtm/Sitm, in sintonia con il Servizio nazionale e secondo le indicazioni dei vescovi: monitorare e documentare le iniziative di prevenzione e formazione, nonché le modalità di attuazione a livello locale delle Linee guida nazionali; accompagnare le singole diocesi, comunità religiose, associazioni o altre realtà ecclesiali nella stesura di protocolli e indicazioni di buone prassi per la tutela dei minori; stimolare, promuovere e coordinare l’informazione e la formazione degli operatori pastorali sulle tematiche della tutela dei minori e della prevenzione degli abusi; se richiesto dal vescovo diocesano o dal superiore maggiore competente, accogliere e trattare secondo i protocolli stabiliti dal Servizio nazionale le segnalazioni di abusi sessuali in ambito ecclesiale. In ogni diocesi il vescovo devo nominare un referente diocesano per la Tutela minori, esperto in questo campo e di provata disponibilità al servizio ecclesiale, che potrà essere aiutato da una equipe di esperti, laici o chierici, approvati dal vescovo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo