Sea Watch: finalmente a terra le 47 persone salvate. L’Ong, “speriamo l’Europa possa accoglierli come meritano”

Sono finalmente in corso a Catania le operazioni di sbarco dalla nave Sea Watch3 le 47 persone migranti soccorse in mare il 19 gennaio, ferme per giorni nel porto di Siracusa. La nave ieri sera ha avuto problemi al verricello ed è stata scortata da due motovedette della guardia costiera. Tanti gli abbracci con l’equipaggio, poi il capomissione ha aperto la corda della scaletta e a bordo è salito un team di esperti, soccorritori, mediatori culturali e poliziotti. I 15 minori saranno trasferiti in centri specializzati. “Siamo contenti che il calvario sia finito per i nostri ospiti – sta twittando Sea-Watch Italy -. Auguriamo loro il meglio. Speriamo che l’Europa possa accoglierli e permettergli di vivere come meritano”. Le persone salvate non hanno bagagli con sé, solo un asciugamano al collo e un sacchetto di plastica fornito dalla Croce rossa italiana. Appena toccano terra viene loro assegnato un numero e fotografati dalle forze dell’ordine per le procedure di identificazione.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo