Festa Don Bosco: mons. Nosiglia (Torino), “società che non sostiene le nascite e non offre alla famiglia un sostegno è masochista”

“La difficoltà che oggi si riscontra circa il rapporto intergenerazionale” si accompagna” alla assolutizzazione di un individualismo aggravato dai social, rispetto all’esperienza comunitaria”. Per questo, “la personalizzazione dei rapporti con ogni singolo ragazzo e giovane è la via decisiva, se si vuole stabilire un dialogo sincero e proficuo”. Ne è convinto mons. Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino, che oggi ha celebrato la messa per la festa di Don Bosco nella Basilica Maria Ausiliatrice. “Isolare i ragazzi e i giovani dal resto della comunità civile ed ecclesiale, chiudendoli in luoghi ed esperienze magari interessanti e gioiose ma rivolte solo a loro in un mondo a sé separato dal resto dove possono incontrare solo coetanei, senza mai un dialogo e confronto con gli adulti e gli anziani, conduce ad un impoverimento notevole sia la comunità che i giovani stessi e la loro crescita”, ha aggiunto: “È masochismo quello di una società che non sostiene le nascite e non offre alla famiglia un sostegno anche economico forte e continuato per questo scopo”. Ma insieme alla famiglia, ha sottolineato mons. Nosiglia, “è necessario dare vita a una rete di accompagnamento fatta di luoghi, occasioni ed iniziative di incontro tra generazioni, che permettano di arricchirsi dei doni gli uni degli altri. Penso in particolare agli oratori che, a mio avviso, rappresentano anche oggi una realtà di prim’ordine per promuovere iniziative di comunione e di incontro tra le generazioni”. Infine, il vescovo ha ricordato che “una società più a misura di persona e di famiglia significa un mondo meno anonimo ed estraneo e più vivibile, perché ricco di relazioni coinvolgenti e interessate, solidali e amiche dove ogni ragazzo e giovane viene accolto per se stesso e riconosciuto, come ci insegna don Bosco, soggetto attivo e responsabile, prima che destinatario di servizi e di offerte, sia in campo educativo e religioso che sociale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo