Israele-Palestina: Amnesty, “le agenzie turistiche on line alimentano violazioni contro i palestinesi”

Le agenzie online di prenotazione Airbnb, Booking.com, Expedia e TripAdvisor stanno alimentando le violazioni dei diritti umani contro i palestinesi segnalando centinaia di stanze e attività negli insediamenti israeliani sulla terra palestinese, compresa Gerusalemme Est. Lo ha dichiarato oggi Amnesty International in un rapporto intitolato “Destinazione occupazione”, in cui accusa le agenzie online di prenotazione di promuovere il turismo negli insediamenti israeliani illegali e di contribuire così alla loro esistenza ed espansione. “L’insediamento di civili israeliani da parte di Israele nei Territori palestinesi occupati viola il diritto internazionale umanitario e costituisce un crimine di guerra. Ciò nonostante, le quattro agenzie continuano a operare negli insediamenti e a trarre profitto da questa situazione illegale”, denuncia l’organizzazione per i diritti umani. “La confisca illegale da parte israeliana delle terre palestinesi e l’espansione degli insediamenti continuano a produrre immensa sofferenza: i palestinesi vengono cacciati dalle loro case, i loro beni di sussistenza vengono distrutti e i servizi fondamentali come l’acqua potabile vengono loro negati. Airbnb, Booking.com, Expedia e TripAdvisor si basano sull’idea della fiducia mutua e condivisa ma stanno contribuendo a queste violazioni dei diritti umani grazie alle loro attività economiche negli insediamenti”, dichiara Seema Joshi, di Amnesty International. “Il governo israeliano – prosegue – usa la crescente industria turistica negli insediamenti per legittimare la loro esistenza ed espansione e le agenzie online di prenotazione stanno al gioco: è giunto il momento che si schierino dalla parte dei diritti umani togliendo dalle loro destinazioni gli insediamenti illegali su terre occupate. I crimini di guerra non sono un’attrazione turistica”, ha aggiunto Joshi. Nel novembre 2018, dopo le inchieste di Al Jazeera e Human Rights Watch, Airbnb si è impegnata a rimuovere dalle sue destinazioni gli insediamenti in Cisgiordania, ma non da Gerusalemme Est, che è a sua volta territorio occupato e che compare oltre 100 volte tra le sue destinazioni. Amnesty sta sollecitando Airbnb a togliere dalle sue destinazioni tutti i luoghi situati nei territori occupati, compresa Gerusalemme Est. Booking.com, Expedia e TripAdvisor “dovrebbero fare altrettanto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo