Islam: card. Bassetti, “tutti i credenti hanno diritto a luoghi di culto”, “anche per motivi di sicurezza”

“Non entro nel merito delle polemiche sulle moschee perché il discorso è complesso, però io dico: tutti i credenti hanno diritto a un luogo di culto, tutti i credenti hanno diritto a ritrovarsi insieme e credo che noi più favoriamo questo e meno corriamo il rischio del terrorismo perché si vigilano meglio le persone insieme che le persone isolate che fanno una vita nascosta. Quindi io sono favorevole al fatto che abbiano luoghi di culto, anche perché si tratta di membri di una religione monoteistica come il cristianesimo e l’ebraismo”. Lo ha affermato, oggi, il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, in un incontro con i giornalisti, in occasione della festa di San Francesco di Sales, rispondendo a una domanda su qual è la posizione della Chiesa sui luoghi di culto per i non cristiani nelle nostre realtà, considerate le polemiche legate alla moschea di Umbertide. “Naturalmente” questi luoghi di culto devono essere “regolati anche da quelle che sono le leggi italiane. Dico questo non solo come diritto di fondo, perché in quanto esseri umani hanno diritto a professare la propria religione, ma anche come motivo di sicurezza, perché così anche chi ha il compito di vigilare lo fa meglio se le persone sono aggregate e non rischiano di diventare delle sette disperse”, ha concluso il porporato.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo