Servizi sociali: Istat, nel 2016 i Comuni hanno speso di più (+2% sull’anno precedente). In totale circa 7 miliardi e 56 milioni di euro (0,4% del Pil)

Nel 2016 la spesa dei Comuni per i servizi sociali ammonta a circa 7 miliardi e 56 milioni di euro, pari allo 0,4% del Pil nazionale. Rispetto all’anno precedente si registra un incremento del 2%. Lo comunica oggi l’Istat diffondendo il report “La spesa dei Comuni per i servizi sociali” con i dati provvisori per il 2016.
“Prosegue – rileva l’Istat – la ripresa iniziata nel 2014 che, dopo il calo registrato nel triennio 2011-2013, ha riportato gradualmente la spesa sociale quasi ai livelli precedenti la crisi economica e finanziaria”.
Stando ai dati diffusi, per ciascun residente i Comuni hanno speso in media 116 euro nel 2016, contro i 114 del 2015. A livello territoriale le disparità sono sempre elevatissime: si passa dai 22 euro della Calabria ai 517 della Provincia Autonoma di Bolzano.
“Al Sud, in cui risiede il 23% della popolazione, si spende solo il 10% delle risorse destinate ai servizi socio-assistenziali”, nota l’Istat, rilevando che “la principale fonte finanziaria dei servizi sociali proviene da risorse proprie dei Comuni e dalle varie forme associative fra Comuni limitrofi (61,8%). Al secondo posto vi sono i fondi regionali per le politiche sociali, che coprono un ulteriore 17,8% della spesa complessiva. Il 16,4% della spesa è finanziata da fondi statali o dell’Unione europea”.
Dal report emerge però che nel periodo osservato diminuiscono gradualmente le risorse dedicate ai servizi per gli anziani, sia in valore assoluto che come quota sul totale della spesa sociale dei Comuni (dal 25% nel 2003 al 17% nel 2016). Nello stesso lasso di tempo l’incremento delle persone anziane residenti accentua la diminuzione della spesa pro-capite: da 119 euro nel 2003 si passa a 92 euro annui nel 2016.
Quasi raddoppiate, invece, le risorse destinate ai disabili: da 1.478 euro annui pro-capite nel 2003 si passa a 2.854 nel 2016. Le spese per i minori e le famiglie con figli passano da 86 a 172 euro l’anno pro-capite e sono rivolte per il 40% agli asili nido e ai servizi per la prima infanzia. La spesa sociale impiegata per il supporto e l’integrazione degli immigrati in Italia si mantiene a livelli ridotti rispetto alle altre aree di utenza, con una quota che passa dal 2,3% della spesa nel 2003 al 4,8% nel 2016.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori