Unicef: Rapporto intervento umanitario, “milioni di bambini in 59 Paesi hanno bisogno di aiuto”

(Foto: Unicef/Seyba Keïta)

Sono 41 milioni i bambini di 59 Paesi nel mondo che hanno bisogno di poter accedere ad acqua sicura, di mangiare, di poter andare a scuola, di avere garantite salute e protezione. Sono più di 34 milioni coloro che vivono in situazioni di conflitto e disastri, tra cui 6,6 milioni in Yemen, 5,5 milioni in Siria e 4 milioni in Repubblica Democratica del Congo. A fotografare la situazione dei più piccoli è l’Unicef che nel Rapporto sull’intervento umanitario diffuso oggi stima in 3,9 miliardi di dollari la somma necessaria per poter svolgere il suo lavoro nell’arco del 2019. L’obiettivo è quello di fornire accesso a supporto psicosociale a 4 milioni di bambini e di persone che se ne prendono cura, garantire l’accesso ad acqua sicura a circa 43 milioni di persone, raggiungere 10,1 milioni di bambini con istruzione di base formale e non formale, vaccinare 10,3 milioni di bambini contro il morbillo e curare 4,2 milioni di bambini con malnutrizione grave. “Fornire a questi bambini il supporto di cui hanno bisogno è fondamentale, ma senza azioni internazionali consistenti e condivise, molti continueranno ad essere lasciati indietro,” ha affermato Manuel Fontaine, direttore dei Programmi d’Emergenza dell’Unicef, per il quale “la comunità internazionale deve impegnarsi a supportare la protezione dei bambini nelle emergenze”. Un appello che suona ancora più forte dal momento che quest’anno ricorre il 30° anniversario della ratifica della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza e il 70° anniversario della Convenzione di Ginevra.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa