Diocesi: mons. Xuereb (nunzio Corea e Mongolia), “chiediamo di avere un cuore umile”

“Torno alla missione in Corea e Mongolia con il cuore pieno di gioia per avervi incontrato. Porterò con me il vostro calore e la vostra accoglienza”. Sono state le parole che mons. Alfred Xuereb, nunzio apostolico nelle due regioni asiatiche, ha pronunciato sabato sera dopo aver incontrato per la prima volta la comunità della diocesi titolare di Amantea (Cs) di cui è arcivescovo dallo scorso mese di febbraio, dopo la nomina di Papa Francesco. “Chiediamo al Signore di avere un cuore umile perché il cuore umile si apre”, ha detto il presule nell’omelia; “un cuore che si apre permette alle grazie di scendere dal cielo e, come la pioggia, di penetrare”.
Mons. Xuereb ha visitato la comunità tirrenica calabrese e, incontrando i diversi attori sociali ha invitato i fedeli e i cittadini a realizzare uno “scambio culturale e di conoscenza soprattutto con il popolo della Mongolia, dove c’è una piccola comunità retta da un sacerdote piemontese”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa