Cinema: box office al 28 gennaio. Giraldi (Cnvf), “successo per l’intramontabile Rocky Balboa, ora allenatore”

“Era stato già un caso nel 2015 ‘Creed. Nato per combattere’. Ora il seguito ‘Creed 2’ conferma un successo senza fine per il mito della box sul grande schermo Rocky Balboa, che smessi i panni del campione è un efficace allenatore di un giovane talento afroamericano. Il film con furbizia e atmosfere pulp punta tutto sui giovani, ma anche sugli inossidabili spettatori di ‘Rocky’”. Lo dichiara al Sir Massimo Giraldi, presidente della Commissione nazionale valutazione film Cei, commentando i dati al box office del fine-settimana 24-27 gennaio. Sul podio dunque c’è “Creed 2” di Steven Caple Jr., con Michael B. Jordan e Sylvester Stallone, che incassa in quattro giorni €3.691.845. Al secondo e terzo posto troviamo rispettivamente la favola ecologica “Mia e il leone bianco” di Gilles de Maistre, con €1.594.099 (per un totale di quasi 4milioni in due settimane di programmazione), e la new entry “La favorita” di Yorgos Lanthimos, che forte delle sue 10 nomination ai Premi Oscar traghetta una buona fetta di pubblico in sala, con €1.062.688.

Al quarto posto tiene il thriller psicologico “Glass” di M. Night Shyamalan con Bruce Willis e James McAvoy, che alla seconda settimana guadagna altri €865.833, per un totale di oltre 3milioni. Quinta è la commedia rosa con Jennifer Lopez “Ricomincio da me” diretto dal veterano Peter Segal, che incassa €862.882. L’altra new entry, in sesta posizione, viene dall’Italia, la commedia “Compromessi sposi” di Francesco Miccichè con il duo Abatantuono-Salemme, che raccoglie in quattro giorni €643.772.

Continua poi la corsa d’oro di “Bohemian Rhapsody” di Bryan Singer, biopic della band britannica Queen, che aggiunge altri €611.898 al corposo bottino di oltre 27milioni di euro. Ricordiamo che il film è uscito nelle sale italiane a novembre 2018. In classifica si posiziona settimo. Dall’ottavo al decimo posto troviamo due commedie italiane e un cartone targato Disney: “Non ci resta che il crimine” di Massimiliano Bruno, ottavo, che guadagna €481.722 (avvicinandosi alla soglia dei 5milioni in totale); nono, “Ralph spacca Internet” che ottiene €386.153, superando i 10milioni di euro alla quarta settimana di programmazione; infine, al decimo posto, c’è “L’agenzia dei bugiardi” di Volfango De Biasi con €357.123, per un totale di €1.445.412.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa