Attentato in cattedrale Filippine: mons. Schick (Dbk), “processo di pace non sia messo in pericolo da questo atti di violenza”

“Prego, insieme alla chiesa di Mindanao, affinché il processo di pace non sia messo in pericolo da questo atti di violenza”. È l’arcivescovo Ludwig Schick (Bamberg), presidente della Commissione Chiesa mondiale della Conferenza episcopale tedesca, a esprimere da Panama il proprio cordoglio e il “profondo orrore” per l’attacco alla cattedrale di Jolo (Filippine), che ferisce il Paese in un momento in cui “con gli accordi conclusi tra il governo filippino e i ribelli Milf (Moro Islamic Liberation Front), e il referendum che era stato così reso possibile, si era finalmente aperto un orizzonte di speranza per la pace e la riconciliazione nella regione dopo decenni di conflitti violenti”. “La mia preghiera in quest’ora è per tutti coloro che sono stati crudelmente strappati alla vita e per i loro cari”, ha detto l’arcivescovo che era stato a Mindanao nel giugno 2017 per conoscere e sostenere gli sforzi della Chiesa per una pace duratura e aveva incontrato anche rappresentanti governativi e del Milf.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa