Gmg 2019: card. Bassetti a giovani italiani, “riconoscere la vocazione, camminando nella storia e ascoltando la Parola”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

(da Panama) “Voi siete chiamati ad amare! È vero che spesso non sappiamo come fare, che serve impararlo e non è mai finita. Ma tu mettiti in cammino, cerca accompagnatori saggi e buttati nel vivo della tua vita!”. Lo ha detto il presidente della Cei, il card. Gualtiero Bassetti, nell’omelia di una celebrazione eucaristica che ha presieduto oggi con i giovani italiani che stanno partecipando alla Gmg a Panama. “Non è un problema la vita. Voi non siete un problema per Gesù, nemmeno le vostre contraddizioni, le vostre domande, i vostri errori, i vostri sogni – ha aggiunto -. Per un adulto di cui ci si può fidare, la vostra vita non è un problema, è una risorsa. E Gesù è un adulto di cui vi potete fidare, dal quale potete andare senza pensare di dover essere perfetti; è un adulto a cui potete affidare la vostra vita così com’è, perché vi ama da morire”. Dal presidente della Cei l’invito ai giovani a entrare nella realtà che li circonda: “Scopri di che cosa c’è bisogno, intuisci dove puoi compiere un servizio, puoi seminare il bene, mettiti all’opera e intanto domandati: ‘ma io, per chi sono?’. Questa è la chiave per intuire e riconoscere la tua vocazione: camminando nella storia e ascoltando la Parola riconoscerai a un certo punto di quale pezzo di cielo prenderti cura. E riconoscerai che quello è proprio ciò che anche tu desideravi fare della tua vita”. Una vita che “non è mai per se stessi”. “La vocazione è sempre per qualcun altro; e che non è mai da soli, ma sempre insieme”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa