Giorno della Memoria: Mattarella, “è invito all’impegno e alla vigilanza”. “Abbiamo il dovere morale di combattere antisemitismo, razzismo e negazionismo”

(Foto: Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

“Il Giorno della Memoria non è soltanto una ricorrenza, in cui si medita sopra una delle più grandi tragedie della storia, ma è un invito, costante e stringente, all’impegno e alla vigilanza”. Lo ha affermato questa mattina il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel corso della celebrazione che si è tenuta al Quirinale.
Il Capo dello Stato ha posto l’attenzione sul fatto che “in Italia e nel mondo sono in aumento gli atti di antisemitismo e di razzismo, ispirati a vecchie dottrine e a nuove e perverse ideologie”. “Si tratta, è vero, di minoranze. Ma – ha denunciato – sono minoranze sempre più allo scoperto, che sfruttano con astuzia i moderni mezzi di comunicazione, che si insinuano velenosamente negli stadi, nelle scuole, nelle situazioni di disagio”.
Secondo Mattarella, “la riproposizione di simboli, di linguaggi, di riferimenti pseudo culturali, di vecchi e screditati falsi documenti, basati su ridicole teorie cospirazioniste, sono tutti segni di un passato che non deve in alcuna forma tornare e richiedono la nostra più ferma e decisa reazione”.
“Noi Italiani, che abbiamo vissuto l’onta incancellabile delle leggi razziali fasciste e della conseguente persecuzione degli ebrei, abbiamo un dovere morale”, ha ammonito: “Verso la storia e verso l’umanità intera. Il dovere di ricordare, innanzitutto. Ma, soprattutto di combattere, senza remore e senza opportunismi, ogni focolaio di odio, di antisemitismo, di razzismo, di negazionismo, ovunque esso si annidi. E di rifiutare, come ammonisce spesso la senatrice Liliana Segre, l’indifferenza: un male tra i peggiori”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa