Gmg 2019: mons. Pellegrini (Concordia-Pordenone), “per essere testimoni credibili non basta professare valori, ma viverli giorno per giorno”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

(da Panama) “Come diffondere la cultura dell’accoglienza nelle nostre comunità?”, chiede Lorenzo di Avezzano. “Vorrei riuscire a trasmettere ai coetanei l’esperienza che ho vissuto qui. Come faccio?”, incalza Nicola di Verona. “Tanti ragazzi lasciano la parrocchia perché non si sentono capiti. Come possiamo spiegare ai parroci che, spesso, vorremmo una pastorale più dinamica?”, domanda Anna, anche lei di Verona. Sono tanti gli interrogativi emersi nel dialogo tra monsignor Giuseppe Pellegrini, vescovo di Concordia-Pordenone, e un centinaio di pellegrini italiani, avvenuto nella parrocchia Nostra Signora di Guadalupe di Panama. I ragazzi esprimono inquietudini, dubbi, sogni. Le due ore trascorrono fin troppo in fretta. Il pastore non offre risposte preconfezionate ma riesce a provocare i giovani. “Per essere testimoni credibili non basta professare valori, ma viverli giorno per giorno. A partire proprio dall’accoglienza. Il ‘segreto’ per una buona pastorale? Ispirarsi a Gesù che riusciva a parlare a tutti, alle folle come ai suoi. E, mentre parlava, faceva”. (L.Capuzzi – Avvenire)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa