Migranti: Gatti (Open arms), “in Italia si sta falsando la realtà per guadagnare voti”

“In Italia si sta falsando la realtà. Si sta creando una realtà che non ha niente a che vedere con la verità, per creare un immaginario comune utile a guadagnare voti. Questo è il motivo di tutti i messaggi in cui si accostano le Ong ai trafficanti”. Lo ribadisce in un’intervista al Sir Riccardo Gatti, comandante e capomissione della Open arms. “Si dice che i porti sono chiusi ma non è vero perché non esiste nemmeno un decreto e sarebbe illegale – ricorda -. Il fatto che le Ong non siano in mare può portare solo più morti e qualcosa di ancora peggiore, ossia il silenzio assoluto su quanto sta succedendo perché in mare non ci sono testimoni scomodi. Che alla fine è ciò che interessa i governi europei, primo tra tutti il governo italiano che sta facendo accordi con criminali in Libia. Anche i vari messaggi del ministro dei Trasporti non hanno niente a che fare con il diritto marittimo, mentre lui dovrebbe sapere di ciò che sta parlando. Povera Italia, sta vivendo veramente un momento buio”. A suo avviso “si sta legittimando una mancanza di cultura e di etica istituzionale. Quando ministri vari fanno dichiarazioni senza alcun fondamento, la legittimazione diventa dannosa per la stessa cittadinanza italiana. Perché continua la distruzione culturale e fa sì che le persone siano mosse secondo gli interessi di chi è al potere. Sta avvenendo qualcosa di molto triste”. Le Ong, nonostante siano state criminalizzate, continuano comunque ad avere l’appoggio di buona parte della società civile, comprese le Chiese. “Bisogna continuare a mandare messaggi proattivi e non avere un atteggiamento da vittime – afferma Gatti -. Non fermarsi e mettere in campo tutte le azioni possibili. I discorsi del governo italiano sono talmente vuoti che si sgonfieranno, anche grazie all’azione dei cittadini. Bisogna riappropriarsi un po’ della politica”. “Mi conforta il fatto – prosegue – che gli attacchi politici contro le Ong e i migranti sono sempre vuoti e falsi e vengono smentiti subito. Basta mettersi a studiare solo un po’ e informarsi su ciò che sta succedendo. L’appoggio che riceviamo è molto elevato a livello intellettuale e culturale. Quello per noi è importante, tutto il resto sono grida e slogan. Noi andiamo avanti e non ci scoraggiamo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia