This content is available in English

Giornata della memoria: Jourová (Ue), “nuovi sforzi per contrastare l’antisemitismo”. Timmermans ad Auschwitz

(Bruxelles) “Oggi potremmo dare per scontata la presenza delle comunità ebraiche in Europa. Ma 74 anni dopo la fine dell’Olocausto, sappiamo che non è così. Occorrono nuovi sforzi per contrastare l’antisemitismo”, e in tal senso la Commissione Ue ha assunto varie iniziative. Vera Jourová, commissario responsabile per la giustizia, commenta con preoccupazione alcuni fatti e violenze accadute ancora di recente in Europa alla vigilia della Giornata della memoria. E sui risultati dell’Eurobarometro pubblicato oggi afferma: “I risultati del sondaggio mostrano che c’è un gap di percezione sull’antisemitismo: mentre l’89% di ebrei afferma che l’antisemitismo è aumentato significativamente negli ultimi 5 anni, solo il 36% del pubblico in generale ritiene che sia aumentato”. In media, solo 4 europei su 10 pensano che l’Olocausto sia sufficientemente insegnato nelle scuole. “Tra gli intervistati, il 34% non sa che la negazione dell’Olocausto è criminalizzata”. Il giorno della memoria dell’Olocausto segna il giorno in cui, 74 anni fa, le forze alleate liberarono il campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau in Polonia. Per celebrare questa occasione, il primo vicepresidente della Commissione Timmermans visiterà il campo di concentramento nazista di Auschwitz-Birkenau, dove depositerà una corona di fiori davanti al muro della morte e accenderà una candela in memoria delle vittime.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia