Naufragio nel Mediterraneo: don Ciotti (Libera), “basta a chi fa propaganda su queste tragedie”

“Proviamo un immenso dolore per queste morti innocenti. Sono morti che devono pesare sulle coscienze di tutti. Basta ai venditori di illusioni, basta a chi fa propaganda su queste tragedie, basta a chi cerca scorciatoie con leggi che negano i diritti, alimentano illegalità e disperazione”. Lo afferma in una nota don Luigi Ciotti, presidente di Libera e del Gruppo Abele, sul recente naufragio davanti alle coste libiche in cui hanno perso la vita 117 migranti. “Le migrazioni non vanno sottovalutate ma governate in modo intelligente – aggiunge –. Ma se non si arresta il modo di pensare oggi prevalente gli effetti saranno devastanti. Ancora più devastanti di quelli che già vediamo intorno a noi”. Ribadendo che “non ci sentiamo comodamente dalla parte giusta”, il fondatore di Libera sottolinea che “la parte giusta non è un luogo dove stare ma piuttosto un orizzonte da raggiungere insieme, nella chiarezza e nel rispetto delle persone. Non mostrando i muscoli e accanendosi contro le fragilità e la disperazione delle persone”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa