Migranti: p. Ripamonti (Centro Astalli), “ingiustificabile la chiusura dei governi europei che si ostinano a non voler portare in salvo poche persone in pericolo”

“Ancora nessun porto europeo autorizza lo sbarco dei 49 migranti in mare da 11 giorni. Tra loro ci sono donne e bambini”. Lo ricorda oggi il Centro Astalli, che esprime “seria preoccupazione per le persone a bordo, esposte ai rigori dell’inverno e alle condizioni del mare in via di peggioramento”. “Non dimentichiamo che si tratta di persone provate da lunghi viaggi di cui il Mediterraneo rappresenta verosimilmente solo l’ultimo tratto in balia di trafficanti e privazioni – si legge in una nota -. Sono partiti dalla Libia dove è notorio che sicurezza e dignità dei migranti siano sistematicamente violate. E si trovano ora in una situazione in cui cibo e cure mediche potrebbero non essere più sufficienti e adeguati a garantire la loro incolumità e sopravvivenza”.
Padre Camillo Ripamonti, presidente Centro Astalli, definisce “ingiustificabile una tale chiusura da parte dei singoli governi europei che si ostinano a non voler portare in salvo poche persone in condizioni di pericolo e grave vulnerabilità. Un braccio di ferro disumano sulla pelle di innocenti in cerca di salvezza non può essere la via per disciplinare e gestire i flussi migratori dall’Africa verso l’Europa. Tanta indifferenza per le sorti dei migranti è da condannare senza attenuanti. Per il diritto del mare la chiusura del porti è consentita solo per gravi motivi di ordine pubblico e sicurezza, mentre il soccorso a chi si trova in mare in condizioni di difficoltà deve essere sempre e tempestivamente garantito”.
Di qui la richiesta “a chi ricopre incarichi istituzionali di attivare ogni canale politico e diplomatico possibile per trovare in tempi rapidissimi una soluzione”. “Chiediamo inoltre un atto di umanità che garantisca la dignità e la protezione delle persone e che rimetta al centro delle agende dei governi democratici europei il bene comune, il rispetto dei diritti e la sicurezza di tutti”, conclude la nota.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa