Diocesi: Roma, più di 26mila visitatori per il presepe “Venite adoremus”, allestito a Porta Asinaria dalla parrocchia di San Giulio

Con le loro ricche vesti e con il cammello, portando doni preziosi, il 6 gennaio arriveranno i Re Magi. Sarà uno dei momenti più suggestivi del presepe vivente “Venite adoremus”, allestito a Porta Asinaria per il secondo anno consecutivo, realizzato dalla parrocchia di San Giulio con il patrocinio del Vicariato di Roma e di Roma Capitale. Inaugurato il 23 dicembre, è stato visitato finora da più di ventiseimila persone: tanti hanno apposto la loro firma sul libro del censore, all’ingresso, proprio come accadeva nella Betlemme di duemila anni fa. Oltre ai romani, “tantissimi sono stati i turisti, arrivati da altre parti di Italia e dall’estero – sottolinea padre Dario Frattini, il parroco di San Giulio –. Dall’America, dal Giappone, dalla Cina, dalla Spagna…”. E per quanti ancora non lo hanno visitato, c’è tempo fino al 13 gennaio: “Venite adoremus” resterà aperto i pomeriggi dalle 16.30 alle 19.30; il 6 gennaio anche la mattina dalle 10 alle 13; giovedì 10 la mattina per le scuole; il 12 gennaio dalle 16.30 alle 19.30. Domenica 13 ultimo giorno di apertura: dalle 10 alle 13 e poi dalle 16.30 alle 19.30, con il concerto del Coro Altrenote. Il pomeriggio di domenica 6, invece, si esibirà un coro gospel.
L’obiettivo del presepe vivente è raccogliere fondi per riparare la chiesa di via Francesco Maidalchini, a Monteverde, in ricostruzione da maggio del 2016. I parrocchiani di San Giulio, da allora, partecipano alle celebrazioni in una tensostruttura allestita nelle vicinanze. “Speriamo di poter rientrare nella nostra chiesa nel 2019”, auspica padre Dario. Per raggiungere questo obiettivo, da tre anni la comunità realizza il presepe vivente, che dal 2017 si fa a Porta Asinaria. «Non c’è luogo migliore per un presepe – spiega ancora –, perché siamo vicini alla statua di san Francesco benedicente, che fu il primo a realizzare un presepe vivente, a Greccio. E poi proprio al poverello di Assisi il Crocifisso disse: ‘Va’ e ripara la mia chiesa’”. L’ingresso a “Venite adoremus” è gratuito, ma si conta sulla generosità dei visitatori. Oltre duecento i figuranti impegnati, tutti volontari. Coinvolti anche tanti amici della comunità che hanno offerto aiuto e materiale gratuitamente: dal gruppo storico di Piubega, nel mantovano; agli scenografi di Cinecittà Fratelli De Angelis, che hanno prestato anfore, colonne, fontane in cartongesso o polistirolo; allo Zoo Grunwald che ha portato gli animali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa