Politica: Villani (Istituto Toniolo), “malata” di “corruzione, inettitudine, ricerca del nemico”

“E’ provvidenziale che questo incontro si svolga nel centenario dell’appello di Luigi Sturzo ai liberi e forti”. Esordisce così Ugo Villani, presidente del Consiglio scientifico dell’Istituto Giuseppe Toniolo, inaugurando i lavori del seminario “La buona politica è al servizio della pace. Il Messaggio pontificio per la Giornata mondiale della pace 2019”, promosso questo pomeriggio a Roma dalla presidenza nazionale dell’Azione cattolica italiana e dall’Istituto Toniolo. “Il Papa – osserva Villani – contrappone la politica come potere alla politica come servizio”: emblema di quest’ultima, sottolinea, la figura di Aldo Moro, amico di quel Paolo VI che aveva definito la politica “la più alta forma di carità”. Villani sottolinea inoltre che “il rispetto dei diritti fondamentali è presupposto ineludibile per la pace che è fondata sui diritti fondamentali della persona e dei popoli” e ricorda il principio di sussidiarietà, mutuato dalla dottrina sociale della Chiesa. Per quanto riguarda la “malattie” della politica, si sofferma in particolare su corruzione e inettitudine: “la seconda forse non meno grave della prima e di cui oggi abbiamo frequenti dimostrazioni. Una gravissima improvvisazione”. E ancora: “la ricerca del nemico – oggi il migrante – come causa di tutti i mali che ricorda le leggi razziali del 1938”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa