Diocesi: Padova, il 27 gennaio ad Arcella. Suor Fiorese, “decentrarsi per vedere la pace da un’altra prospettiva”

“Arcella è spesso sinonimo di ‘periferia’ quindi abbiamo scelto di vedere la pace da questa prospettiva: decentrandoci”.  Così suor Francesca Fiorese, direttrice dell’Ufficio di pastorale sociale e del lavoro della diocesi di Padova, spiega la scelta di articolare lungo le strade del quartiere Arcella la Marcia della pace in programma domenica 27 gennaio. “Fatti di pace” il titolo dell’iniziativa, promossa dalla diocesi patavina e dalle aggregazioni e associazioni laicali (Azione cattolica, Acli, Agesci, Noi Associazione, Csi, Comunità di Sant’Egidio, Associazione Papa Giovanni XXIII, Movimento dei Focolari, Ordine francescano secolare) e presentata oggi in conferenza stampa. “Sono vere in Arcella le parole di papa Francesco che definisce ‘la politica, dimensione essenziale della convivenza civile'”, prosegue la responsabile dell’Ufficio diocesano che ha coordinato le varie realtà coinvolte nella progettazione della giornata: parrocchie, associazioni, aggregazioni laicali, movimenti, ma anche esperienze concrete del territorio. “Molti arcellani – conclude – sperimentano che, come dice papa Francesco ‘lavorare tutti insieme per il bene comune è la base del buon governo della città, che la rende bella, sana e accogliente, crocevia di iniziative e motore di uno sviluppo sostenibile e integrale'”. Dopo due seminari proposti la mattina, l’appuntamento è alle 14 nel piazzale della stazione da dove partirà il corteo di pace che attraverserà le vie dell’Arcella. Terminata la marcia, alle 17, il vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla, presiederà la Messa nella chiesa di San Carlo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa