Giornali Fisc: mons. Corazza (Forlì), “il Momento rischia di morire, non lasciare che accada”

“C’è bisogno di un settimanale che ci aiuti giorno per giorno, settimana per settimana, a dare corpo ai nostri sogni, alle nostre speranze e per indicare prospettive a un mondo individualista tentato di ripiegarsi su se stesso, esposto alla minaccia di una tremenda implosione”. Lo scrive il vescovo di Forlì-Bertinoro, mons. Livio Corazza, nell’editoriale dell’ultimo numero del settimanale diocesano “il Momento”, che celebra cent’anni di pubblicazioni. “Cento anni sono tanti per tutti, anche per un settimanale di informazione e di formazione come Il Momento – sottolinea il presule -. Ma diventano pochi, davvero pochi, se i motivi e gli obiettivi che lo hanno fatto nascere sono ancora vivi”. Indicando le “nubi che sembravano alle spalle”, ma che “hanno nuovamente distrutto l’Europa e il mondo”, il vescovo afferma che “abbiamo bisogno di qualcuno che ce lo ricordi, giorno per giorno”. “Abbiamo bisogno di qualcuno che ci racconti le cose che funzionano e non funzionano. Il bello, il buono e il cattivo”. “Abbiamo bisogno – aggiunge mons. Corazza – che le nostre parole, sussurrate o gridate, escano di chiesa, arrivino nelle case e nelle piazze”. Quindi, l’invito a “tutti i preti, gli animatori, i religiosi” ad “abbonarsi e diffondere Il Momento e Avvenire”. “Un mondo nuovo è difficile realizzarlo, ma senza degli strumenti di comunicazione, che ci sostengono in questo impegnativo compito, diventa ancora più diffcile crederci e costruirlo. Saremmo meno ascoltati. Il Momento, come tanti giornali, rischia di morire. Non lasciamo che questo accada”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa