Decreto sicurezza: Geraci (Caritas Roma), “creerà ulteriore disagio e sofferenza” per gli immigrati

foto SIR/Marco Calvarese

“Negli ultimi tempi c’è stata una sorta di caccia all’immigrato. Il Decreto sicurezza ha introdotto tutta una sorta di percorsi e di processi che creeranno ulteriore disagio, sofferenza e – lo dico da medico – malattia”. Lo ha affermato questa mattina Salvatore Geraci, responsabile dell’Area sanitaria della Caritas di Roma, nel corso della presentazione della seconda edizione del rapporto “La povertà a Roma: un punto di vista”. Nel suo intervento, Geraci ha richiamato i dati relativi alla presenza di stranieri in Italia e ha invitato a leggere il fenomeno dell’immigrazione non concentrandosi solo sui numeri, bassi e ancora in calo, degli sbarchi, “fenomeno che mediaticamente e umanamente ci colpisce”. “La riduzione dell’80%” delle persone sbarcate sulle coste italiane “è una riduzione importante ma ci sono state oltre 2.242 persone morte, tutte morti evitabili”. “E se il numero di persone morte nelle traversate è in calo nell’ultimo anno è altrettanto vero che il rischio relativo è più che raddoppiato”. Altri dati forniti riguardano il fatto che “nel 2018 c’è stato il maggior numero di richieste di asilo esaminate, ma c’è stato anche il maggior numero di dinieghi con picchi dell’82% a livello nazionale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa