Terzo settore: Avis, approvato un nuovo statuto per “una rete associativa più forte e trasparente”

L’assemblea generale ha approvato il nuovo statuto dell’Avis nazionale, con gli adeguamenti richiesti dalla riforma del Terzo settore, nel corso dell’assemblea generale, svoltasi a San Donato Milanese. Per il presidente, Gianpietro Briola, “il nuovo statuto conferma gli ideali che da oltre 90 anni caratterizzano la nostra associazione e accoglie le sfide che la riforma del Terzo settore ha richiesto a noi e a tutto il mondo del volontariato”. Con le nuove disposizioni l’Avis diventa “a tutti gli effetti una rete associativa nazionale”. “Vogliamo essere sempre più capaci di essere incisivi nelle nostre attività, specialmente in tema di indirizzo, programmazione e controllo – spiega Briola –. Vogliamo inoltre essere sempre più trasparenti nei confronti dei nostri donatori, degli ammalati che beneficiano delle nostre donazioni e dei nostri interlocutori istituzionali”. Con il nuovo statuto approvato l’Avis nazionale è diventata “Ente del Terzo settore”, costituito nella forma giuridica di Organizzazione di volontariato e di Rete associativa nazionale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo