Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Cesare Battisti, in Italia oggi. Parigi, operata italiana ferita nell’esplosione. Francia, Uk, Serbia, Polonia, piazze in fermento in Europa

Cesare Battisti arrestato in Bolivia, arriva in Italia oggi

La fuga è finita: Cesare Battisti è in volo sull’aereo che lo riporta in Italia. “È fatta: è decollato da Santa Cruz l’aereo diretto a Roma con a bordo Cesare Battisti”, scrive su Twitter il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Gli uomini del Gom, il gruppo operativo mobile della polizia penitenziaria, d’intesa con le altre forze di polizia, sono pronti a prendere in consegna l’ex terrorista per tradurlo al carcere di Rebibbia di Roma. Ad attendere all’aeroporto di Ciampino l’ex terrorista mai pentito dei ‘Proletari armati per il comunismo’, ci sarà il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede.

Parigi, operata italiana ferita nell’esplosione. Quattro vittime

Ha subito un secondo intervento alla gamba Angela Grignano, la 24enne di Trapani rimasta gravemente ferita nell’esplosione a Parigi. Sembra che l’operazione sia andata bene. “I medici ci hanno rassicurato che l’operazione è andata più che bene, sono molto contenti e ottimisti”, dice il fratello di Angela. La fortissima esplosione è stata provocata da una fuga di gas avvenuta in una boulangerie. Ha scosso l’intero quartiere dell’Opera, provocando un incendio in un intero palazzo. I morti sono due pompieri, una donna spagnola e un’altra donna trovata successivamente senza vita. Una cinquantina i feriti, tra i quali Angela.

Italia, gettano liquido su volto di un senegalese a Pisa

Due giovani in sella a uno scooter avrebbero lanciato un liquido non meglio identificato, ma che potrebbe essere stata candeggina, sul volto di un venditore abusivo senegalese la notte scorsa nel centro storico di Pisa: lo straniero è stato soccorso da alcuni passanti prima di farsi medicare agli occhi al pronto soccorso dove è stato dimesso con una prognosi di 10 giorni. Sull’episodio indagano le forze dell’ordine che stanno ricostruendo l’accaduto dopo alcuni messaggi postati su Facebook da coloro che hanno prestato aiuto e che hanno lamentato il clima di odio alimentato da certe prese di posizioni politiche.

Serbia, sesto sabato in piazza contro Vucic

Per il sesto sabato consecutivo migliaia di persone sono nuovamente scese in piazza a Belgrado e in altre città della Serbia per protestare contro i metodi di governo considerati “autoritari” del presidente Aleksandar Vucic. Con lo slogan ‘Uno di 5 milioni’, i manifestanti denunciano la politica poco rispettosa del pluralismo, dello stato di diritto e della libertà di stampa.

Francia, lettera di Macron ai francesi per superare la crisi e avviare dibattito nazionale

“Trasformare con voi la rabbia in soluzioni”: questa la frase chiave della lunga “lettera ai francesi” di Emmanuel Macron, l’atteso documento che dovrebbe essere la base per superare la crisi sociale in atto e avviare, da martedì, il “grande dibattito nazionale” nel Paese.  Sui quattro grandi temi che animeranno il dibattito, il presidente pone ai francesi 32 domande. In apertura, Macron spiega che “la Francia non è un Paese come gli altri” e che “il senso delle ingiustizie è più forte che altrove”.

Brexit, appello della premier May al Parlamento perché approvi l’accordo. Tensioni a Londra

Con un intervento domenicale, a due giorni dal previsto voto parlamentare sulla bozza di accordo per la Brexit, la premier Theresa May ha fatto appello ai deputati affinché approvino la sua proposta per l’uscita di Londra dall’Unione europea, ed evitino così quelle che definisce “conseguenze catastrofiche”. La tensione politica tra i pro Brexit e quelli contrari si è anche trasformata in scontro fisico domenica, con due cortei di attivisti entrati in contatto nel centro di Londra.

Polonia, accoltellato il sindaco di Danzica, è grave

È in gravi condizioni e attualmente sottoposto a intervento chirurgico il sindaco di Danzica, Pawel Adamowicz, accoltellato a un evento pubblico. Il primo cittadino è stato assalito da un ragazzo di 27 anni e colpito più volte con un coltello, durante il concerto finale della raccolta nazionale di beneficenza, organizzata per la 27ª volta dalla fondazione Wosp (Grande orchestra caritatevole di Natale) di Jurek Owsiak.

Italia, chiodi davanti casa sindaco sì Tav

Ventisei chiodi a quattro punte sono stati trovati davanti all’abitazione del sindaco sì Tav di Chiomonte, Silvano Ollivier. I carabinieri sospettano che si tratti di un gesto intimidatorio per le sue posizioni a favore della Tav. L’episodio è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato, alla vigilia del flash mob di Torino a favore della realizzazione della Torino-Lione. “Un atto vile e di disperazione”, sentenzia il primo cittadino. “Un gesto intimidatorio? Di certo non posso fermare io la Tav, anche se non cambio idea sulla sua utilità. Quindi perché intimidirmi? È un atto imbecille”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo