Polonia: è morto Pawel Adamowicz, il sindaco di Danzica accoltellato ieri

È morto nel primo pomeriggio, presso l’ospedale di Danzica, il sindaco della città Pawel Adamowicz. Il 53enne politico che in autunno ha vinto le elezioni amministrative come indipendente, senza l’appoggio del partito di maggioranza Pis (Legge e giustizia) né quello dell’opposizione Po (Piattaforma civica), nel 2001 è stato insignito della croce pro Ecclesia et Pontefice per il suo impegno sociale. È stato infatti sindaco di Danzica ininterrottamente dal 1998. Domenica sera, partecipando alla manifestazione di beneficenza più nota in Polonia, è stato accoltellato sul palco da un giovane pregiudicato che la magistratura sospetta essere affetto da seri turbe psichiche. Sebbene soccorso immediatamente, non è sopravvissuto alle profonde ferite arrecategli con una lama di 14,5 centimetri al cuore, all’addome e al diaframma. Le lesioni, avendo provocato un’abbondante emorragia, hanno anche causato una significativa anossia. In molte chiese di Danzica e di tutta la Polonia da stamattina i fedeli si sono radunati, su invito dell’arcivescovo della città mons. Slawoj Leszek Glodz, per invocare una felice guarigione della vittima dell’attentato che, come ha detto il presidente dei vescovi polacchi, “ha scosso la Polonia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo