Cei: card. Bassetti, ad assemblea di maggio “progetto condiviso”. “Noi cattolici non disertiamo le sfide”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“Vorrei arrivare all’Assemblea di maggio con un progetto condiviso, così che si possa dire: la Chiesa italiana non si lamenta, ma si prepara a fare di più e meglio”. È il progetto lanciato dal card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nell’introduzione al Consiglio episcopale permanente. “Vorrei che sapessimo mostrare al Paese che noi cattolici non disertiamo le sfide impegnative di questo nostro tempo, convinti come siamo che possono essere affrontate e superate”, l’auspicio del cardinale, che ha poi citato i temi del Cep: “Siamo chiamati a confrontarci innanzitutto sugli Orientamenti pastorali con cui costruire condivisione di sguardo e d’impegno tra le Chiese che sono in Italia. In questi giorni, inoltre, approveremo il Regolamento del Servizio nazionale a tutela dei minori e degli adulti vulnerabili; in questo ambito daremo pure gambe ai Servizi regionali, fino all’individuazione dei referenti diocesani e delle necessarie iniziative formative”. “Il nostro ritrovarci come Consiglio permanente ci offre l’opportunità anche per una disanima delle principali questioni che interessano il Paese”, ha assicurato il porporato: “La faremo insieme, per chiarire innanzitutto a noi stessi le modalità con cui come Chiesa intendiamo abitare questo tempo, al fine di contribuire a renderlo migliore per tutti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo