Cristiani perseguitati: Porte Aperte onlus, “dal 1° novembre 2017 al 31 ottobre 2018 escalation dei nazionalismi religiosi in Asia e dell’estremismo islamico in Africa”

“Dal 1° novembre 2017 al 31 ottobre 2018 è globalmente aumentata la persecuzione anticristiana, con un’escalation dei nazionalismi religiosi in Asia (India in testa) e dell’estremismo islamico in Africa”. Lo sostiene l’associazione Porte Aperte onlus/Open Doors International, che ogni anno pubblica la World Watch List (WWList), la lista dei primi 50 Paesi dove più si perseguitano i cristiani al mondo. Il 16 gennaio sarà resa pubblica la nuova WWList 2019, “un progetto – spiega l’associazione – dietro al quale lavora nel corso dell’anno un team di ricercatori di Porte Aperte impegnato a monitorare la situazione dei cristiani in 100 nazioni nel mondo”. Il rapporto sarà presentato anche presso l’Europarlamento.
“La lista – ricorda Porte Aperte onlus – è sottoposta a minuziosa analisi da parte di un organo internazionale indipendente (International Institute for Religious Freedom – Irf), il quale monitora e valuta nel dettaglio la metodologia, i processi di analisi, il design e i questionari di ricerca usati per stilare la WWList. Ciò che rende la WWList lo strumento d’eccellenza nella misurazione della persecuzione anti-cristiana è senza dubbio l’approccio dal basso (ricerca sul campo), oltre che la metodologia scelta (e appunto certificata da organo indipendente) e l’approccio dall’alto (ricerca su fonti attendibili esistenti)”. Info: www.porteaperteitalia.org.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo