Cinema: box office al 14 gennaio, prima la commedia “Non ci resta che il crimine”. Giraldi (Cnvf), “bene l’andamento degli incassi a gennaio”

Vince la commedia di Massimiliano Bruno “Non ci resta che il crimine”, al suo esordio in sala nel fine-settimana 10-13 gennaio. In quattro giorni il film incassa €1.991.216; sul podio al secondo posto “Aquaman” di James Wan con €1.835.876, per un totale di €8.841.622, e al terzo l’animazione della Disney “Ralph Spacca Internet” che guadagna altri €1.730.410, raggiungendo la cifra complessiva di €8.968.500. “Ottima performance di Massimiliano Bruno – commenta al Sir Massimo Giraldi, presidente della Commissione nazionale valutazione film Cei – che fa centro nell’immaginario del pubblico nazionale con la sua commedia ambientata a metà tra l’oggi e gli Ottanta, ai tempi della Banda della Magliana. La forza di richiamo del film è determinata in particolare dal cast indovinato, che vede Alessandro Gassmann, Edoardo Leo, Marco Giallini e Gianmarco Tognazzi”. In generale, prosegue il presidente della Cnvf, “possiamo dire che prosegue l’onda lunga delle feste, con una maggiore presenza in sala di pubblico in relazione anche alla ricca proposta a disposizione nel mese di gennaio. Un invito a fare tesoro della formula per i mesi più critici, tra primavera ed estate”.

Al quarto posto del botteghino nazionale tiene bene “Bohemian Rhapsody” di Bryan Singer, che guadagna €1.235.302, raggiungendo la cifra totale di oltre 25milioni di euro. Va ricordato che il film sulla band britannica Queen è il più alto incasso del 2018 in Italia, sicuro protagonista dei prossimo Oscar.
Bella sorpresa in quinta posizione: c’è “Van Gogh. Sulla soglia dell’eternità”, proposta più d’autore firmata dal regista-pittore Julian Schnabel: l’opera ottiene €1.001.504, portandosi alla cifra complessiva di €2.596.745. In sesta posizione c’è la new entry “City of Lies. L’ora della verità”, poliziesco con Johnny Deep diretto da Brad Furman, che guadagna in quattro giorni €724.556.
Dalla 7a alla 9a posizione tre film italiani: “La befana vien di notte” di Michele Soavi (parziale €500.265, totale €7.563.537), seguito da “Moschettieri del Re” di Giovanni Veronesi (parziale €403.347, totale €4.898.975) e “Attenti al gorilla” di Luca Miniero (parziale €396.596, totale €396.596).
Infine, chiude la top ten “Vice. L’Uomo nell’Ombra” di Adam McKay, titolo forte agli imminenti premi Oscar, che rastrella altri €377.427, portandosi a €1.199.484 dall’inizio dell’anno nuovo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo